Brasile

Documenti & info utili

Documenti di viaggio

I turisti italiani che desiderano recarsi in Brasile devono essere in possesso del passaporto valido per almeno sei mesi dalla data di partenza. Il visto turistico viene rilasciato all’arrivo e vale tre mesi. Vi ricordiamo di conservare la copia del modulo che compilerete sull’aereo, poiché andrà riconsegnato alla partenza.

Vaccinazioni e certificati sanitari

Non risultano obbligatorie vaccinazioni. È consigliata la profilassi antimalarica e contro la febbre gialla, per chi si reca in Amazzonia e nel Pantanal dopo un consulto presso l’ufficio di Igiene della propria città.
Vi ricordiamo che è necessaria la vaccinazione febbre gialla per i passeggeri che prolungano il viaggio in Perù, in Bolivia ed in Venezuela o viceversa.

Medicinali

In Brasile ci sono efficienti farmacie. È in ogni caso consigliabile  avere con sé una piccola farmacia personale che annoveri, oltre ai medicinali di uso abituale, una pomata per punture di insetti, un repellente contro le zanzare e un disinfettante intestinale.

Lingua

La lingua ufficiale è il portoghese. L'inglese ed il francese sono parlati in tutti i grandi alberghi, gli uffici di turismo e informazioni. Diffuso è anche lo spagnolo in particolar modo a sud del Paese. Gli indigeni parlano idiomi amerindi.

Valuta

L'unità monetaria nazionale è il Real, divisibile in centavos. Si consiglia di portare con sé Euro o dollari Usa, che potranno essere cambiati in loco, presso banche ed uffici di cambio. Valute diverse dall’euro e dal dollaro vengono cambiate solo nelle grandi città e presso alcune banche. È sconsigliabile cambiare troppo denaro in reais perché se al momento della partenza ci si trova con un forte importo in tasca, è difficile riconvertirlo, in quanto soltanto il 30% dell’importo in moneta brasiliana può essere cambiato nella divisa d’origine, conservando l’ultima ricevuta di cambio. Accettate le maggiori carte di credito. Non ci sono limiti all’importazione di denaro contante o in travellers cheques. È obbligatoria la dichiarazione dell’importo al momento dell’ingresso per poter riesportare liberamente il denaro: non si può esportarne più di quanto se ne sia importato.

Fuso orario

La differenza di fuso orario tra Italia e Brasile è di -4 ore e -5 per la parte occidentale del Paese. Quando è in vigore l'ora legale in Italia bisogna aggiungere un’ora.

Elettricità

Le reti elettriche brasiliane hanno tensioni variabili da 110 a 220 volt, per lo più presenti entrambi. Molte apparecchiature di fabbricazione europea non possono essere allacciate alla rete proprio per questa ragione. Prima della partenza dall’Italia è consigliabile munirsi di un trasformatore e di un adattatore per le prese di corrente a lamelle piatte.

Clima

Data l'estensione di questo paese, il clima differisce da regione a regione. Nella regione interna dell'altopiano brasiliano predomina un clima di tipo tropicale, con temperature che variano tra i 20/25°C. Nella regione dell'Amazzonia e nella parte Nord-Est del paese prevale il clima equatoriale, con temperature costanti tra i 25/27°C. Molto frequenti nella zona amazzonica sono le precipitazioni, concentrate soprattutto nel periodo estivo: da dicembre a marzo. Nel Sud piove parecchio ed il clima è di tipo temperato, con temperature che di norma non superano i 20°C.

Vestiario

Il vestiario deve tener conto delle varie temperature del paese. Oltre agli abiti leggeri e pratici, in cotone, agli occhiali da sole ed ai costumi da bagno, non vanno dimenticati pullover e giacche, perché persino ai tropici di notte può far freddo. Raccomandabili pantaloni lunghi e camicie a maniche lunghe nelle zone in cui gli insetti sono particolarmente abbondanti.Inoltre è bene non scordarsi un K-way per eventuali acquazzoni.

Cucina

È difficile parlare di un'unica cucina brasiliana, in quanto la stessa risulta estremamente varia.
Tra le specialità tipiche citiamo: la “feijoada”, oggi piatto nazionale del Brasile basato su riso, fagioli neri e farina di manioca, uniti a varie qualità di pesci e carni; il “churrasco”, vale a dire la carne cotta allo spiedo, proveniente dal sud del Paese; il “peixe na brasa”, pesce alla brace, cotto dentro una foglia di banana e servito con sugo a base di pomodoro, peperoncino, olio e limone; il “bom bocado”, impasto di formaggio, farina di grano, burro, uova, latte di cocco e zucchero liquido.
Non manca la frutta: ananas, manghi, meloni, avocados, fichi, uva... Il tutto accompagnato da ottimi cocktail a base di distillato di canna da zucchero. In tutto il Brasile si beve inoltre una birra leggera molto diffusa e tra le bevande non alcoliche si trovano succhi di frutta e una limonata di guaranà, in origine ricavata dalla buccia grattugiata del frutto del guaranà, oggi prodotta industrialmente come la Coca-Cola.

Telefono

Per le comunicazioni dal Brasile in Italia è necessario comporre il prefisso internazionale seguito dal prefisso della città italiana desiderata con lo zero e il numero dell’abbonato.
Nel caso si desideri addebitare la chiamata al destinatario, è sufficiente comporre il numero 0008039, al quale risponde un operatore Italcable in Italia. Dall'Italia al Brasile è necessario comporre lo 0055 seguito dal prefisso della città con la quale si intende comunicare.
Per telefonare dalle cabine e dai posti pubblici,sono necessarie le card internazionali acquistabili nelle edicole.
Le cabine color arancione possono essere utilizzate solo per le comunicazioni locali, quelle azzurre anche per le interurbane.

Shopping

Il Brasile è famoso per le pietre preziose e semipreziose: topazi, ametiste, acquemarine, rubini, smeraldi, diamanti  con  i quali si fabbricano bellissimi anelli, bracciali e collane. Il loro acquisto dipende dall’occhio dell’acquirente ed esige pertanto una precisa esperienza in merito. Diffusissimi sono i falsi, facili da confondere.
Tra gli altri souvenir si segnalano: articoli in cuoio, sculture in legno e terracotta, bottiglie di sabbia colorata di Natal, oggetti dell'artigianato indiano, pelli di serpenti dell'Amazzonia, i famosi sigari di Salvador. Da non dimenticare, naturalmente, qualche disco di samba brasiliana.

Locali notturni

Nelle metropoli sono a disposizione innumerevoli possibilità di passare una serata mondana: si balla in moltissime discoteche, molto simili alle nostre. Nelle “dancetarias” si ballano samba e ritmi sudamericani genuini, con musica dal vivo. Non si contano, in particolare a Rio de Janeiro, gli spettacoli di varietà tipici brasiliani. Le “choperias” (birrerie) esibiscono in giorni fissi gruppi musicali, esclusivamente dediti ad un repertorio locale.

Le mance e tasse di soggiorno

Nei conti dell’hotel e dei ristoranti normalmente è compreso il servizio, pari al 10% dell’importo. È però consigliabile dare una piccola mancia alle guide, ai  camerieri degli hotel, ai facchini e ai tassisti.
Normalmente negli hotel  è richiesta una tassa di soggiorno pagabile in loco pari a circa 3/5 USD per notte per camera. Per l’ingresso al Parco Nazionale delle cascate di Iguassù è richiesto il pagamento di una tassa di ingresso di circa USD 26 per il lato brasiliano e USD 32 per il lato argentino. L’ingresso alla chiesa di San Francisco a Salvador è di circa 2 USD pagabili in loco. Sull’arcipelago di Fernando de Noronha è richiesto il pagamento di una tassa “green fees” di circa USD 25 al giorno per persona.
Nei lodge in Amazzonia non è sempre possibile portare tutte le valigie, in caso saranno depositate presso il Tropical Hotel, pagando una tassa di deposito pari a 4,5 dollari circa per valigia al giorno,  consigliamo una borsa a mano con il minimo necessario.

Disponibilità delle camere

Salvo diverse indicazioni, le camere saranno a disposizione a partire dalle ore 14.00 e fino alle ore 12.00.

Apparecchiature e materiale fotografico

Non si pagano diritti doganali per apparecchi fotografici, cinematografici, cannocchiali ecc, purché si tratti di un solo esemplare. È bene avere filtri necessari per sole ed azzurri troppo intensi e fare scorta di rullini.

Orari dei principali esercizi

Gli orari di visita ai monumenti artistici e musei variano notevolmente da una località all’altra.
Perlopiù, sono accessibili in ore pomeridiane, e sono tutti chiusi il lunedì. In alcune località le chiese sono accessibili tutto il giorno, mentre in altre città, come per esempio a Ouro Preto, hanno rigidi orari di apertura, resi noti mediante appositi cartelli.
Nelle città i negozi restano aperti di solito dalle 08.00 o dalle 09.00 fino alle 18.30. Supermercati e shopping center restano aperti perlopiù fino alle 22.00. Il sabato, gran parte dei negozi chiudono a mezzogiorno. La domenica sono aperte solo le rivendite di generi alimentari e le edicole, oltre agli shopping center. Le farmacie seguono precisi turni di notte e nei giorni di festa.

Il Quality Group