DOVE
Dove vorresti andare
QUANDO
Quando vorresti partire
DURATA
Quanto vorresti star via
BUDGET
Qual'è il tuo budget
TEMA
Cosa cerchi nel tuo viaggio
STILE DI VIAGGIO
Scegli il tuo stile
Condividi:

Algeria Classica

Durata 8 giorni, 7 notti
QUOTE A PARTIRE DA: 2208
  • Mistral Tour

Esclusiva Mistral Tour

Descrizione del tour

Un tour alla scoperta di un paese inaspettato che si sta aprendo al turismo: dalla ricca costa archeologica si arriva alle porte del deserto tra oasi lussureggianti e dedali di antiche casbah.

Luoghi visitati

Algeri, Constantine, Ghardaia

Paesi visitati



Itinerario Giornaliero

1

Italia/Algeri

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard ABC hotel 3* o similare

Partenza con volo di linea. All’arrivo, disbrigo delle formalità d’ingresso e trasferimento in città. Giro panoramico della città. Cena. Pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

L'Aeroporto di Algeri-Houari Boumédiène è la principale struttura aeroportuale dell'Algeria. È intitolato a Houari Boumédiène, (1932-1978), Presidente dell'Algeria dal 1965 sino alla sua morte e si trova nella località di Dar El Beïda a circa 20 chilometri da Algeri.


2

Algeri

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard ABC hotel 3* o similare

Prima colazione. Giornata dedicata alla visita della capitale, con il museo archeologico, la medina, la moschea di Ali Bichnine (secondo la tradizione costruita da un pirata italiano nel 1623), il quartiere delle case turche, la corniche. Pranzo (in corso di escursione) in una casa tradizionale nella casbah. Cena. Pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Algeri, capitale dell'Algeria, è una città mediterranea che si apre a semicerchio sul mare, con palazzi dall'aspetto molto simile a quelli di Palermo. La sua fondazione, secondo la leggenda, risalirebbe addirittura a Ercole e ai suoi compagni di viaggio, che su queste coste decisero di fermarsi. Realmente ha visto avvicendarsi tantissimi popoli: Fenici, Vandali, Bizantini, Arabi, Spagnoli fino all’indipendenza dall’Impero Ottomani nel XVII. Nel 1834 iniziarono i 132 anni di possedimento coloniale francese, fino a quando Algeri, nel 1962 divenne la capitale dello Stato Indipendente di Algeria.
La città è divisa in tre parti: la parte bassa ha uno stile architettonico tipicamente francese, con viali sui quali si affacciano musei, teatri e grandi edifici;  la parte alta, nota come kasbah, ospita la città vecchia, edificata nel XVI secolo come forte ottomano dove oggi si trovano botteghe artigiane per la lavorazione del rame e della pelle. Nell’ultima parte,l’area più estesa, si trovano i quartieri periferici che risalgono al periodo postcoloniale. Durante la dominazione francese fu battezzata “la blanche”, la bianca per via della sua kasbah – Patrimonio UNESCO dal 1992, ma che necessita di un recupero urgente - con le case in calce bianca. Da visitare il Museo Nazionale delle Belle Arti, il Museo Archeologico di Arte Romana e Bizantina, la chiesa cattolica Notre Dame d’Afrique e naturalmente le moschee, El Kèbir, la più antica, ricostruita nel 1794, stesso anno di realizzazione della moschea di Katchoua.


3

Algeri/Djemila/Timgad

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Hotel Trajan 4* o similare

Prima colazione. Si lascia Algeri per raggiungere Djemila, sito patrimonio UNESCO, il cui nome berbero significa “la più bella”. Ed in effetti lo è: per l’ottimo stato di conservazione in cui si trova, per la straordinaria ricchezza dei mosaici raccolti nel locale museo, per la sua posizione tra gli altipiani settentrionali a circa 900 metri di altitudine. Pranzo in corso di escursione. Al termine della visita proseguimento fino a Timgad. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Djemila è un villaggio dell'Algeria situato sulla costa del mar Mediterraneo, all'interno del quale sono situati i resti dell'antica città romana di Cuicul.
Il suo nome significa "la più bella", e lo rispecchia per il suo ottimo stato di conservazione, per la straordinaria ricchezza dei suoi mosaici raccolti nel museo locale, per la sua posizione tra gli altipiani settentrionali a circa 900 metri di altitudine.


4

Timgad/Constantine

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Hotel Novotel 4* o similare

Prima colazione. Visita di Timgad, città fondata dall’imperatore Traiano nell’anno 101 d.C. e uno dei siti archeologici del paese meglio conservati con la sua cinta muraria e gli edifici con colonne ed archi che si innalzano al cielo. Partenza per Constantine. Pranzo. Nel pomeriggio, visita a quella che viene definita la “città dei ponti sospesi” per via dei suoi ponti che collegano lo sperone di roccia in cui si trova e le alture circostanti. Si visiterà inoltre il palazzo del Bey, titolo che veniva attribuito al governatore della regione in epoca ottomana. Cena e pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

 Timgad è una delle più famose colonie romane d’Africa, fondata nell'anno 100 dall'imperatore Traiano, col nome di Colonia Ulpia Marciana Traiana Thamugadi. Le sue rovine sono situate a circa 35 chilometri da Batna.

Quando venne fondata, Timgad era situata in un'area fertile e difatti era un ricco mercato agricolo, molto fiorente sotto la dinastia Severiana. Nel III secolo divenne quasi totalmente cristiana mentre nel V secolo fu saccheggiata dai Vandali: in questo periodo cominciò il suo declino. Dopo varie vicissitudini, fu abbandonata dopo una invasione berbera nel VII secolo. Le sabbie del Sahara, ricoprendola del tutto, ne favorirono la conservazione fino al 1881, quando gli scavi archeologici la riportarono alla luce. Oggi si può vedere la città romana dell’epoca, con la cinta muraria, il foro con la basilica, la curia e l’erario, il teatro, la biblioteca, le terme e diverse case private con bei mosaici. La porta monumentale nella parte occidentale è nota come la Porta di Traiano.

Nel 1982 entrò a far parte dell'elenco dei Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO.


5

Constantine/Ghardaia

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Hotel M'zab 3* o similare

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e volo per Ghardaia, nella valle di M’Zab. Arrivo e trasferimento in hotel. Pranzo. La valle di M’Zab ospita cinque ksar (città fortificate) conosciute collettivamente con il nome di pentapoli mozabita. Il sito allargato della pentapoli è diventato patrimonio UNESCO nel 1982. Queste cittadelle fortificate sono state edificate nel X secolo ad opera dei musulmani ibaditi in fuga da una serie di persecuzioni ai loro danni iniziate nel VII secolo nella penisola araba e che li aveva visti attraversare Libia, Tunisia, nord dell’Algeria fino a questo luogo remoto. Il pomeriggio è dedicato alla visita di Ghardaia, l’oasi che è anche la capitale della pentapoli. Cena e pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Ghardaia si trova nella valle di M’Zab e ne è il capoluogo.

La valle ospita 5 ksar (città fortificate) conosciute collettivamente con il nome di pentapoli Mozabita.

Il sito allargato della pentapoli Mozabita è diventato patrimonio UNESCO nel 1982. Queste cittadelle fortificate sono state edificate nel X secolo ad opera dei musulmani ibaditi in fuga da una serie di persecuzioni ai loro danni iniziate nel VII secolo nella penisola araba e che li aveva visti attraversare Libia, Tunisia, nord dell’Algeria fino a questo luogo remoto. Le cinque città sono state costruite secondo lo stesso schema, ma Ghardaia è certamente la più affascinante: il celebre architetto Le Corbousier visitò Ghardaia nel 1931, e ne rimase incantato, tanto da tornarvi nel 1933 per poterla meglio studiare. Si dice che ne abbia tratto esempio ed ispirazione per molte delle sue opere successive.


6

Ghardaia

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Hotel M'zab 3* o similare

Prima colazione. Dopo aver completato la visita di Ghardaia, si parte alla scoperta degli altri villaggi che costituiscono questa splendida testimonianza medievale composta da insediamenti fortificati che occupano le colline più alte della valle, ognuno coronato da un solitario, torreggiante minareto. La maggior parte delle case, sparse intorno alle colline, sembrano quasi fondersi con il paesaggio circostante, con i loro cortili e le terrazze bianche in netto contrasto con il blu brillante del cielo sul deserto. Ciascuno dei villaggi segue lo stesso ordine: le case sono costruite in cerchi concentrici intorno ad una moschea centrale ed al minareto, a loro volta protetti da alte pareti e bastioni. Cena e pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Ghardaia si trova nella valle di M’Zab e ne è il capoluogo.

La valle ospita 5 ksar (città fortificate) conosciute collettivamente con il nome di pentapoli Mozabita.

Il sito allargato della pentapoli Mozabita è diventato patrimonio UNESCO nel 1982. Queste cittadelle fortificate sono state edificate nel X secolo ad opera dei musulmani ibaditi in fuga da una serie di persecuzioni ai loro danni iniziate nel VII secolo nella penisola araba e che li aveva visti attraversare Libia, Tunisia, nord dell’Algeria fino a questo luogo remoto. Le cinque città sono state costruite secondo lo stesso schema, ma Ghardaia è certamente la più affascinante: il celebre architetto Le Corbousier visitò Ghardaia nel 1931, e ne rimase incantato, tanto da tornarvi nel 1933 per poterla meglio studiare. Si dice che ne abbia tratto esempio ed ispirazione per molte delle sue opere successive.


7

Ghardaia/Algeri

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard ABC hotel 3* o similare

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e volo per Algeri*. All’arrivo ad Algeri, partenza per Tipasa, sito patrimonio UNESCO che dista circa 60 chilometri dalla capiale e visita: le vie della città punico-romana si snodano tra le palme che digradano verso la costa e ben conservati rimangono l’anfiteatro, le terme ed i resti della basilica cristiana più grande d’Africa. Pranzo in ristorante locale. Rientro ad Algeri. Tempo libero per una passeggiata lungo la Corniche o un caffè tra i molti locali del centro. Cena. Pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Tipasa è una città dell'Algeria, fondata nel 1857 dai fenici, famosa per le sue spiagge sabbiose e venne inserita nel 1982 nell'elenco dei Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO.
Le vie di questa città punico-romana si snodano tra le palme che digradano verso la costa, luogo preferito dallo scrittore Albert Camus, e dove ben conservati rimangono l'anfiteatro, le terme ed i resti della basilica cristiana più grande d'Africa.


8

Algeri/Italia

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e volo di rientro in Italia. Fine dei nostri servizi.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

L'Aeroporto di Algeri-Houari Boumédiène è la principale struttura aeroportuale dell'Algeria. È intitolato a Houari Boumédiène, (1932-1978), Presidente dell'Algeria dal 1965 sino alla sua morte e si trova nella località di Dar El Beïda a circa 20 chilometri da Algeri.


Aggiungi un po' di relax con un soggiorno mare