DOVE
Dove vorresti andare
QUANDO
Quando vorresti partire
DURATA
Quanto vorresti star via
BUDGET
Qual'è il tuo budget
TEMA
Cosa cerchi nel tuo viaggio
STILE DI VIAGGIO
Scegli il tuo stile
Condividi:

FANCY AUSTRALIA DINGO

Durata 11 giorni, 8 notti
QUOTE A PARTIRE DA: 2950
  • Discover Australia

Descrizione del tour

Luoghi visitati

Melboune, Great Ocean Road, Ayers Rock, Sydney

Paesi visitati



Itinerario Giornaliero

1

ITALIA / MELBOURNE

Partenza dai principali aeroporti italiani con voli Emirates per l'Australia con scalo tecnico e cambio aeromobile a Dubai. Pasti a bordo.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

2

MELBOURNE

Arrivo ad Melbourne la sera del 2° giorno e trasferimento privato alla sistemazione prescelta.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE


3

MELBOURNE/GREAT OCEAN ROAD /MELBOURNE

Partendo da Melbourne viaggerete a ovest e inizierete la Great Ocean Road passando attraverso le città costiere di Lorne e Apollo Bay e vi fermerete lungo il percorso per ammirare le viste mozzafiato. Transiterete nella foresta pluviale di Otway, dove potrete ammirare i più alti alberi di eucalipto d’Australia. Dopo pranzo scoprirete la Shipwreck Coast, passeggerete lungo le storiche spiagge e vedrete il Loch Ard Gorge, i famosi 12 Apostoli e scenderete alla Gibsons Steps dove sarete sovrastati dall’alta scogliera. Rientro in serata a Melbourne. Wi-fi gratuito sul bus. Audio commento registrato in italiano tramite applicazione scaricabile sul proprio telefonino o mediante l'utilizzo di un numero contingentato di iPod Nano

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Sono ben 250 i chilometri della Great Ocean Road, nello stato di Victoria, da Torquay a Warrnmbool, sicuramente una delle strade più belle al mondo, con un susseguirsi di curve a picco sull’Oceano, foreste, spiagge iconiche per i surfisti di tutto (tanto per citarne una la famosa Bells Beach, protagonista della scena finale del film Point Break) fari di grande atmosfera. E poi i monoliti al largo della costa più famosi al mondo, i Dodici Apostoli. Realizzata in 14 anni alla fine della Prima Guerra Mondiale, per dar lavoro ai reduci e creare turismo, ovviamente è particolarmente suggestiva e regala panorami da sogno, soprattutto all’alba e al tramonto, quando tutto si colora delle sfumature più impensabili del giallo e del rosso.


4

MELBOURNE

Giornata libera per completare l esplorazione di Melbourne e dei suoi dintorni.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

5

MELBOURNE/AYERS ROCK

trasferimento collettivo e volo per Ayers Rock.Partenza dopo il tramonto in direzione di un "prato di luci a led. Trattasi della singolare e bellissima installazione provvisoria chiamata “Field of Light” dell’artista Bruce Munro. Si cammina a sfioro tra 50 mila luci di varie colorazioni a led, sullo sfondo il grande monolito. Le luci del sole al crepuscolo che si infrangono sul grande monolito "accendono" la luce ed insieme a 50 mila luci che spuntano dal deserto, creano un momento magico.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Field of Light, alimentata completamente a energia solare, è un'installazione luminosa ai pieid di Uluru (nome aborigeno di Ayers Rock) dell'artista di fama internazionale Bruce Munro. È composta da oltre 50.000 luci che si illuminano al tramonto e brillano tutta la notte, dando vita a uno spettacolo unico in uno dei luoghi più iconoci dell'Australia e del mondo. Un’esperienza davvero unica che combina l’arte più moderna con la natura incontaminata e la spiritualità del luogo. Bruce Munro ha concepito l’idea di Field of Light durante la sua visita a Uluru nel 1992, poi presentata per la prima volta nel 2004 al Victoria & Albert Museum di Londra. L'installazione ha aperto nel 2017 e copre un'area grande come quattro campi da calcio. Nella lingua locale Pitjantjatjara è chiamata Tili Wiru Tjuta Nyakutjaku, ovvero "ammirare tante, bellissime luci".


6

AYERS ROCK

Partenza prima del sorgere del sole a bordo di un pulmino 4wd: ci si ferma in un punto di osservazione privilegiato per assistere alla spettacolare alba ai Monti Olgas. Al termine ritorno in hotel e resto della giornata a disposizione.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

I Monti Olgas o Kata Tjuta sono 28 cupole tondeggianti di granito, basalto e sisto, che assomigliano a enormi pagliai. Il monte più alto, di 545 metri, dà il nome a tutto il gruppo e si chiama infatti Mount Olga. Le formazioni si trovano nel Parco nazionale Uluru-Kata Tjuta, a 465 chilometri a sud ovest di Alice Springs, nel Territorio del Nord. Uluru/Ayers Rock si trova a 21 chilometri di distanza. 

Kata Tjuṯa nella lingua Pitjantjara significa “molte teste. Il sito è ritenuto sacro dalle popolazioni aborigene, esattamente come lo è Uluru. Secondo le leggende del Dreamtime (per gli aborigeni, l’epoca antecedente la creazione) si dice che il serpente Wanambi viva sulla cima del Mount Olga e scenda solo durante la stagione secca. 

Si ritiene che questo sito fosse un immenso letto di roccia sedimentaria modellato nella attuale struttura, nel corso di milioni di anni, da continue erosioni causate da tempeste di sabbia e agenti atmosferici. 

 

 


7

AYERS ROCK/SYDNEY

Trasferimento all’aeroporto e volo per Sydney. Arrivo e trasferimento colletivo in hotel. Serata a disposizione.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Sydney è una città dell'Australia sud-orientale, capitale dello stato del Nuovo Galles del Sud, ed è la città australiana più antica (fu fondata nel 1788). Insieme a Melbourne, sua eterna rivale per il titolo di città più importante d'Australia, rappresenta il cuore finanziario, commerciale e culturale della nazione. Il comune che comprende il nucleo storico, copre una piccola area, di soli 25 km² per 164.547 abitanti, mentre la Grande Sydney è un'area metropolitana molto più vasta, che ricopre l'intero bacino dello Yarra. Non esiste un ente amministrativo che copra tutto l'agglomerato urbano, se si esclude il periodo 1945–1964, quando tale funzione era svolta dal Cumberland County Council. Sydney è una meta importante per il turismo locale e internazionale ed è stata più volte premiata come una delle città più belle e vivibili del mondo; è ammirata per il suo porto, la bellissima costa, il clima caldo e piacevole e la cultura cosmopolita. Fra gli eventi recenti che le hanno conferito maggior lustro e visibilità internazionale si ricordano le Olimpiadi di Sydney 2000 e la XXIII Giornata Mondiale della Gioventù, nel 2008. Gli abitanti di Sydney vengono chiamati sydneysiders o, meno frequentemente, sydneyites. Dal punto di vista geografico, Sydney si trova in un bacino compreso fra Oceano Pacifico a est e le Blue Mountains ("monti blu") a ovest. Vi si trovano il più ampio porto naturale del mondo, Port Jackson, e oltre centoventi spiagge, fra cui la celebre Bondi Beach, in cui si pratica il surf tutto l'anno. L'area urbana di Sydney è di 1687 km², circa le stesse dimensioni della "Grande Londra", ma con una densità di popolazione molto inferiore (circa la metà). L'area metropolitana copre un'area di centotrentatré chilometri quadrati; la maggior parte di questo spazio è occupata da parchi nazionali e altre aree verdi. Si può dividere Sydney in due regioni geografiche principali: il Cumberland Plain, regione relativamente pianeggiante, collocata a sud ovest del golfo, e lo Hornsby Plateu, un'area leggermente elevata (fino a 200 metri s.l.m.), a nord del golfo e spezzata da vallate ripide e coperte da foresta. La zona del Cumberland Plain si è sviluppata per prima e ospita i quartieri più antichi. Il Plateau, che oggi viene chiamato anche North Shore, ha avuto uno sviluppo più lento a causa della sua topografia più complessa, rimanendo nettamente in secondo piano fino all'avvento dell'Harbour Bridge, che lo unisce alla città a sud del golfo. Da allora, la North Shore è diventata principalmente un'area suburbana per i ceti medio-alti, benché vi si siano sviluppati in seguito anche quartieri finanziari come Chatswood e North Sydney. Il Central Business District (CBD) si estende verso sud per circa cinquantatré chilometri dal punto del primo insediamento europeo, Sydney Cove. Il CBD è caratterizzato da un'alta concentrazione di grattacieli tra i quali spiccano l'Australian Square, la World Tower e altri grandi edifici e sedi di molte aziende, intervallate da grandi parchi cittadini come Wynyard Park e Hyde Park, è collegato il North Shore attraverso l'Harbour Bridge. Nel C.B.D. si trova anche l'Opera House, forse la più famosa costruzione d'Australia. A est, il CD è limitato da un'ampia area verde che unisce Hyde Park, The Domain e i Giardini Botanici Reali, fino a Farm Cove sul Sydney Harbour. A ovest il CD termina nel Darling Harbour, uno dei quartieri di maggiore interesse turistico. Sebbene Sydney non sia esposta ai cicloni come altre città australiane, e anche il rischio di terremoti sia considerato piuttosto basso, molte aree della città che confinano col bush hanno subito gravi danni a causa di incendi, per esempio nel 1996 e nel 2001. Occasionalmente (circa ogni uno o due anni, ma il fenomeno pare in supercrescita) si verificano anche tempeste di grandine e tempeste di vento; in anni recenti la città ha occasionalmente sofferto periodi di siccità con difficoltà di approvvigionamento di acqua. I livelli delle dighe sono scesi, al punto che il governo di stato ha imposto una serie di divieti per ridurre il consumo di acqua in città. El Niño ha un'influenza importante sulle condizioni atmosferiche di Sydney, causando incendi del bush e siccità o inondazioni e tempeste, in funzione delle fasi opposte dell'oscillazione climatica che lo caratterizza. L'area che circonda il Sydney Harbour è stata abitata, per almeno 45 mila anni, da diverse tribù aborigene, che la chiamavano Warrane; le principali tribù della zona erano gli Eora e i Cadigal. Benché l'urbanizzazione abbia cancellato la maggior parte delle tracce di questi insediamenti, si trovano ancora dipinti rupestri in alcune zone. Gli europei iniziarono a interessarsi della zona a partire dal 1770, anno in cui il capitano James Cook avvistò Botany Bay (oggi un sobborgo meridionale di Sydney). Per ordine del governo britannico, nel 1788 Arthur Phillip fondò in questa zona un insediamento carcerario. Phillip sbarcò inizialmente a Botany Bay, ma decise poi di far vela verso nord e fondò l'insediamento definitivo a Sydney Cove, presso Port Jackson. Phillip diede nome alla colonia New Albion, ma per motivi non del tutto chiari essa divenne presto nota col nome Sydney, da Lord Sydney (Thomas Townshend), che inviò a Phillip l'autorizzazione a fondare la colonia. La colonia fu meta di molte deportazioni di detenuti, principalmente di origine irlandese e inglese. Nella maggior parte dei casi, come gli australiani tengono a ricordare, i "detenuti" erano accusati di crimini quasi insignificanti o venivano semplicemente esiliati perché non graditi, spesso per motivi politici, alla spietata aristocrazia britannica dell'epoca. Attorno all'insediamento iniziò presto a formarsi una piccola città, che venne via via popolata da immigranti in cerca di nuova vita. Già nel 1822 Sydney aveva banche e mercati; nel 1847, i detenuti costituivano ormai solo il 3,2 percento della popolazione. Un'ondata particolarmente importante di immigrati ebbe luogo durante la corsa all'oro del 1851. Con l'industrializzazione, l'espansione della città ha accelerato, e all'inizio del XX secolo la popolazione complessiva superava di parecchio il milione. Sydney ha continuato per tutto il secolo a espandersi e accogliere nuove ondate di immigrati, prima europei e poi anche asiatici, che hanno contribuito a creare l'atmosfera cosmopolita di oggi. La maggioranza dei sydneysider sono di origine britannica e irlandese. Più recentemente si sono formate vaste comunità di italiani, greci, libanesi, arabi e asiatici. Eventi 1788: Primo insediamento europeo 1852: Sydney diventa ufficialmente una città. 1855: La prima ferrovia del Nuovo Galles del Sud unisce Sydney e Parramatta. 1870: Si tiene la Intercolonial Exhibition 1879: Si tiene la Sydney International Exhibition 1883: Si tiene a Parramatta la Intercolonial Juvenile Industrial Exhibition 1901: Commonwealth of Australia proclamato a Sydney il 1º gennaio. 1932: Completamento del Sydney Harbour Bridge. 1942: Sydney Harbour attaccato dai sottomarini giapponesi. 1973: Completata la Sydney Opera House. 2000: Si tengono i Giochi della XXVII Olimpiade. 2008: A luglio si tiene la XXIII GMG. La città di Sydney è sempre stata un punto focale per la vita politica sia dello stato del Nuovo Galles del Sud che della federazione australiana. I confini del bacino elettorale dell'area (diremmo la "circoscrizione" di Sydney) sono stati modificati almeno quattro volte dal 1945, sia da parte del partito laburista che da quello liberale (i due principali partiti australiani), ogni volta allo scopo di escludere i sobborghi simpatizzanti per l'opposizione e includere quelli favorevoli al governo statale. I luoghi più tipici della città sono sicuramente lo Harbour Bridge e la Opera House, entrambi collocati nel Sydney Harbour. Il fiume principale di Sydney è il Parramatta, che entra nel golfo da ovest. Se il golfo è celebre per le gare di yacht (da qui parte la competizione nota come Sydney to Hobart Yacht Race), sul fiume si naviga in canotto, canoa, barca a vela e su piccoli yacht, si fa pesca sportiva e, occasionalmente, gare di dragon boat, una imbarcazione tipica, simile a una lunga canoa a remi. Un altro elemento celebre del panorama di Sydney è costituito dalla famosa Sydney Tower (nota anche come torre del centro o torre della AMP), il secondo edificio più alto dell'emisfero australe. Anche il piccolo porto di Darling Harbour, con i suoi numerosi ristoranti e negozi, è una tappa quasi obbligata per il turismo. A Sydney si trova anche un interessante sistema di metropolitane (Sydney e Melbourne sono le uniche due città australiane ad avere questo mezzo di trasporto). Lo stadio polisportivo Sydney Cricket Ground ospita numerose competizioni internazionali di cricket e la squadra di football australiano dei Sydney Swans. La zona circostante, per molti anni sede della fiera-spettacolo pasquale Sydney Royal Easter Show, è stata adattata a contenere gli studi di Sydney della 20th Century Fox. Il parco olimpico Homebush Bay ha ospitato gran parte degli eventi delle Olimpiadi di Sydney 2000 e viene frequentemente utilizzato per grandi eventi sportivi e culturali, specialmente all'interno del Telstra Stadium. A Sydney hanno sede la borsa australiana (Australian Stock Exchange) e la Reserve Bank of Australia. Vi si trovano anche sei università: la University of Sydney, la University of New South Wales, la Macquarie University, la University of Technology, la University of Western Sydney, e due campus della Australian Catholic University. Fra le principali attrazioni turistiche a Sydney si possono citare: Bondi Beach, una spiaggia visitata tutto l'anno dai surfisti Darling Harbour Chinatown i giardini cinesi i fuochi artificiali di Capodanno King Street Wharf il museo della scienza e della tecnica di Oceanworld a Manly.[1] un altro grande museo della scienza e della tecnica, il Powerhouse Museum, presso cui è situata una delle poche fermate della monorotaia l'imponente acquario di Sydney, a Darling Harbour, ricco di fauna marina dell'oceano e del reef, ma che ospita anche qualche esemplare di ornitorinco [3] il "Sydney Harbour", più propriamente detto Port Jackson la Sydney Tower, nel CBD [4], con vista a 360 gradi sulla città e l'immancabile ristorante panoramico; lo zoo di Taronga, a Mosman [5], con specie animali da tutto il mondo, inclusi gorilla, scimpanzé, e una buona parte della peculiare fauna australiana l'antico quartiere di The Rocks il Parco Olimpico la Cattedrale di St Mary la celebre Opera House. Sydney è una delle capitali culturali d'Australia, e per tutto l'anno ospita eventi musicali, teatrali e artistici. Fra le manifestazioni più formali si contano quelle della Sydney Symphony Orchestra, della Sydney Theatre Company, della Sydney Dance Company e il premio Archibald per l'arte ritrattistica; ma nella città sono moltissimi anche gli eventi di profilo più popolare e molti festival, a partire dal Sydney Festival, in cui si tengono spettacoli liberi per tutto gennaio. Molti gruppi rock australiani, dai Midnight Oil agli INXS, sono nati artisticamente a Sydney. A Sydney hanno vissuto e lavorato moltissimi pittori e fotografi, da Lloyd Rees, stimato pittore di immagini rurali e pastorali, a Jeffrey Smart, autore di celebri ritratti sul tema dell'alienazione urbana. Nella città si trovano quattro grandi musei e molti altri minori; in particolare meritano una visita lo Australian Museum (storia naturale e antropologia), il Powerhouse Museum (scienza, tecnologia e design), la Art Gallery of New South Wales e il Museum of Contemporary Art.


8

SYDNEY

All' ora di pranzo recatevi al punto di pick up per la vostra Crociera nella baia . Pranzo a base di buffet di pesce. Terminata la crociera , sbarco e rientro autonomo in hotel

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Non è un caso se la baia di Sydney è considerata una delle insenature più belle del mondo: una cornice di mare che si estende per quasi 20 chilometri verso l'entroterra fino all'estuario del Parramatta River. Conosciuto anche come Port Jackson, il Sydney Harbour reppresenta il fulcro della della città. Spiagge assolate isole frastagliate, baie e parrchi, fanno da contraltare allo skyline oltre alle sterminate aree residenziali che abbracciano la baia, che a tutti gli effetti taglia in due la città, difatti il mezzo di trasporto più utilizzato di chi vive a Sydney e deve raggiungere il distretto finanziaro, sono per l'appunto i vaporetti che fanno da spola e collegano tutti i punti della baia tra di loro. Due icone che svettano su tutto e rendono la baia di Sydney, delle quali una è con I maiuscola, l'Harbour Bridge e l'Opera House

 

      

 


9

SYDNEY

Giornata libera per completare l esplorazione di Sydney e dei suoi dintorni.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il Sydney Opera House, il Teatro dell’Opera di Sydney è certamente l’edificio australiano più famoso e riconoscibile del mondo. Progettato dall’architetto danese Jørn Utzon il teatro è stato costruito a partire dal 1958 e inaugurato nel 1973 dalla regina d’Inghilterra Elisabetta II (è costato 102 milioni di dollari). Si trova in una piccola penisola al centro di Sydney; di particolare impatto la struttura esterna fatta a “gusci” bianchi – a molti ricordano delle vele – creata tagliando spicchi irregolari da una sfera. Il Sydney Opera House ospita oltre 1000 sale per concerti ed eventi (ogni anno se ne svolgono 3.000). La principale è la Concert Hall, con 2.679 posti a sedere e con uno degli organi a canne più grandi del mondo.. La sala del Teatro dell’Opera può sedere fino a 1500 persone in sedili di betulla. Dal 2007 è Patrimonio dell’umanità UNESCO.


10

SYDNEY/ALTRE DESTINAZIONI

trasferimento collettivo in aeroporto e partenza per l?italia o altra destinazione.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

11

AUSTRALIA / ITALIA

Scalo tecnico a Dubai con cambio aeromobile. Pasti a bordo e arrivo a destinazione in giornata.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Aggiungi un po' di relax con un soggiorno mare